Alessandro e Alice, sposi in Giappone

Oggi voglio raccontarti una storia vera. Voglio dedicare questo articolo ad una delle nostre fantastiche coppie, mostrarti qualche foto del loro matrimonio e raccontarti come si è svolto il giorno delle loro nozze. Sto parlando di Alessandro e Alice, una coppia effervescente e non convenzionale, che ha realizzato con il nostro aiuto il sogno di sposarsi in Giappone.

Alice mi ha contattato per la prima volta a maggio, pochi mesi prima del loro viaggio in Giappone, già organizzato per agosto. La sua richiesta era semplice quanto complessa. Voleva sposarsi in Giappone con Alessandro, solo loro due. Desideravano un matrimonio caratteristico al tempio, e il tutto doveva essere regolarmente valido a norma di legge.

Il tempo non era tantissimo per preparare tutto, quindi siamo partiti subito con i preparativi.

Per fortuna, Alessandro e Alice sono una fantastica coppia, con cui è stato facile lavorare. Alice è molto solare, affettuosa e incredibilmente determinata, Alessandro è molto preciso, paziente e alla mano. Si sono affidati completamente a me e ci siamo divertiti molto insieme durante i preparativi.

Nei mesi successivi, l’organizzazione è andata avanti su due binari paralleli. Da un lato abbiamo guidato Alessandro e Alice nella preparazione di tutti i documenti necessari. Richiesta certificati, legalizzazione, traduzione ecc… un bel lavoro di squadra!  Nel frattempo, mentre alcuni di noi si prendevano cura di questi aspetti burocratici qui in Italia, altri membri del nostro team hanno seguito sul posto tutti i passaggi necessari con il Comune e l’Ambasciata.

Per quanto riguarda la cerimonia al tempio, abbiamo prima realizzato il progetto di nozze personalizzato per questa bellissima coppia e poi ci siamo occupati di prenotare tutti i servizi necessari. Il tempio, l’atelier per il noleggio dei kimono, parrucchiere e truccatore, fotografo e videografo, e infine il servizio taxi per i necessari spostamenti.

Alice e Alessandro, matrimonio in Giappone

Il periodo (agosto, nei giorni di Obon) e la tipologia di matrimonio, ci hanno portato a scegliere Tokyo (per ragioni di comodità e di clima) e due date che credo Alessandro e Alice ricorderanno con affetto negli anni a venire. Il 5 agosto, giorno del matrimonio civile, e il 9 agosto, giorno del matrimonio al tempio.

Il giorno del matrimonio civile il nostro team ha accompagnato Alessandro e Alice per tutta la trafila burocratica, fino alla conquista dell’agognato certificato di matrimonio. Poi ci siamo occupati, nei giorni successivi, di completare l’iter per la registrazione delle nozze qui in Italia.

 

 

Il momento che aspettavamo tutti però era quello del matrimonio al tempio, in cui il sogno di Alessandro e Alice si è avverato.

La giornata è iniziata prestissimo, con l’appuntamento all’atelier per la preparazione degli sposi. Hanno indossato i kimono tradizionali (Alice ha scelto il caratteristico shiromuku) e la sposa è stata truccata e acconciata. L’abito andava infatti accompagnato da un’acconciatura tradizionale, con tanto di parrucca e accessori.

 

 

Terminati i preparativi, ecco le foto in un tipico giardino giapponese. Qui c’era l’imbarazzo della scelta, per la quantità di scorci incantevoli e di angolini dove ritrarre gli sposi, emozionatissimi e divertiti dalla insolita esperienza di indossare i kimono nuziali.

 

 

Abbiamo deciso di svolgere la giornata del matrimonio al tempio in modo diverso dal consueto. Cioè di fare le foto prima della cerimonia, per poter godere delle prime ore del mattino, meno afose. Nonostante ciò, abbiamo scelto prevalentemente angoli all’ombra, per dare ad Alessandro e Alice il massimo confort possibile. Devo dire che indossare un kimono ad agosto non è un’operazione semplice, ma loro se la sono cavata alla grande.

 

E dopo le foto tutti al tempio, per le prove della cerimonia e poi per la cerimonia shintoista. Alessandro e Alice si sono trovati immersi nella cultura giapponese e sono stati protagonisti di un vero rito nuziale, pieno di simbolismi e con una profonda spiritualità. “Non è stata un’esperienza da turisti – mi ha detto poi Alessandro – ma un’autentica cerimonia giapponese”. 

 

 

Ovviamente il tempio non poteva che diventare lo scenario per qualche altro scatto ricordo. Ho avuto difficoltà a scegliere le mie preferite, perché sono tutte molto caratteristiche. Spero comunque di riuscire a darti un’idea della giornata.

 

 

Dopo il rito, un breve pranzo e via, verso la meta scelta da Alessandro e Alice per festeggiare il loro matrimonio: Hakone, in un ryokan (旅館, albergo tradizionale) con onsen (温泉, bagno termale) privato e vista sul monte Fuji.

Il rientro a casa

Nei giorni successivi, Alessandro e Alice si sono goduti la loro luna di miele, girando per i luoghi più belli del Giappone. Nel frattempo noi ci occupavamo dei vari documenti e dell’iter necessario per far registrare le nozze in Italia. Poi è venuto il momento di ritornare a casa.

I familiari e amici degli sposi inizialmente sono rimasti molto stupiti nello scoprire che si erano sposati durante quelle che tutti credevano delle semplici vacanze. Ma superato lo chock iniziale, sono stati molto felici per loro e, come mi ha detto Alice, “Ora ogni giorno c’è una festa”.

Io porterò sempre con me il ricordo di questo matrimonio. Delle skype call in tarda serata, delle nostre chat su whatsapp e delle tante risate durante l’organizzazione. Ho avuto la fortuna di conoscere una coppia speciale, e di poterla aiutare a coronare il suo sogno di sposarsi in Giappone.

Ma ovviamente non ho fatto tutto da sola! Il nostro team di Matrimonio in Giappone si è preso cura di ogni aspetto dei preparativi. Io, Fabio, Claudia e Maria in Italia, Francesca, Ross, Ayako e Serena in Giappone. Senza contare i vari operatori per il servizio foto-video, gli abiti, il trucco e parrucco e i trasporti e, ultimi ma non ultimi, i funzionari di tutti gli uffici pubblici coinvolti e i monaci del tempio. A tutti loro va il mio più sincero ringraziamento.


Vorresti vivere anche tu l’emozione di sposarti in Giappone come Alessandro e Alice?

Siamo a tua disposizione!

Scarica alcuni pacchetti tipo per avere un’idea dei servizi che possiamo offrirti e relativi costi e poi contattami per iniziare il progetto personalizzato per le tue nozze!

Mata nè!

またね

Claudia-chan

 

 

PH: Bikem Bridal, Ross Harrison e Francesca Falcone, con lo zampino di Alice nella fase di post-produzione.

Claudia-chan
Claudia-chan
info@matrimonioingiappone.it
No Comments

Post A Comment